Connected Lighting

Connected Lighting

LiFi

Dove scorre la luce, in futuro scorreranno anche i dati.

Chi oggi sente parlare di WiFi o di WLAN, sa di cosa si tratta. Queste tecnologie di trasmissione dei dati, infatti, sono molto diffuse e sono divenute lo standard nella maggior parte degli uffici, delle case e degli alberghi. Solo pochi sanno però che la nuova tecnologia LiFi è destinata a soppiantare a breve la WLAN. È una tecnologia ancora in erba. Nel mondo digitale, però, i cicli di produzione sono più brevi e i prodotti diventano pronti per l'immissione sul mercato più rapidamente rispetto al mondo analogico. Chi affronta per tempo la questione della trasmissione dei dati tramite la luce sarà molti passi avanti rispetto alla concorrenza.

LiFi: facciamo luce su questo sconosciuto.

LiFi è l'acronimo di Light Fidelity ed è un metodo di trasmissione dei dati basato sulla luce (Visible Light Communication, VLC). L'espressione, coniata dal professore tedesco Harald Haas, indica un processo di trasferimento ottico dei dati a breve distanza. Utilizzando un LED come sorgente luminosa a semiconduttore, i dati possono essere trasmessi tramite la luce accendendo e spegnendo rapidamente il LED: più velocemente di quanto l'occhio umano possa percepire. 
Gli apparecchi con tecnologia LiFi necessitano di un collegamento Internet tramite cavo Ethernet. Come ricevitore è presente un fotodiodo all'interno del cono di luce sotto l’apparecchio. Un'interfaccia a infrarossi funge da canale di upstream. Questa tecnologia di comunicazione bidirezionale e wireless, basata sullo spettro luminoso, garantisce la trasmissione dei dati sicura ed economica. Economica perché la trasmissione dei dati si basa su un'infrastruttura di illuminazione già esistente. Lo spettro della luce è 10’000 volte maggiore di quello dell'intera frequenza radio. Questa tecnologia di trasmissione ottica offre quindi una larghezza di banda più ampia rispetto alla trasmissione radio.
In condizioni di laboratorio sono già state raggiunte velocità di trasmissione di 224 Gbit/s, molto superiori rispetto al WiFi. Inoltre, a ogni apparecchio LiFi si possono collegare più persone.

Il LiFi: un indiscutibile highlight. In quali ambiti?

In linea di massima, il LiFi può essere utilizzato ovunque sia disponibile un'infrastruttura di illuminazione. In futuro, questa tecnologia all'avanguardia sarà utilizzata ad esempio in uffici, alberghi e location per eventi. Questa tecnologia di trasmissione è particolarmente utile laddove i segnali radio possono causare problemi di compatibilità elettromagnetica (EMC) o quando è necessario garantire una maggiore sicurezza dei dati.

Perché il LiFi offre nuove opportunità per la ristorazione e l'industria alberghiera?

Il LiFi offre anche un grande valore aggiunto alla ristorazione e all'industria alberghiera. Immaginate il vostro ospite seduto a un tavolo qualsiasi di un ristorante impegnato in una videoconferenza confidenziale. O magari potrebbe desiderare una connessione affidabile e stabile la sera nella sua camera d'albergo. Oppure ricevere e-mail strettamente confidenziali nella hall. Poiché i dati possono essere ricevuti e trasmessi soltanto da una sorgente di luce specifica, il campo di ricezione è limitato al cono di luce. Il vantaggio? Non è possibile accedere dall'esterno. 

A che punto siamo?

Negli ultimi anni, Regent Lighting si è impegnata intensamente sul fronte della nuova tecnologia. Nell'autunno 2017, il principale fornitore svizzero di soluzioni illuminotecniche ha presentato per la prima volta un ambiente LiFi in funzione. Il focus dell'evento era il collegamento di dispositivi per lo scambio wireless di dati basato sulla luce. Questo ambiente di prova è la base non solo per ottimizzare le prestazioni e l'affidabilità, ma anche per lo sviluppo di prodotti pronti per la produzione in serie che saranno lanciati sul mercato nei prossimi due anni. Sono già iniziati i primi progetti pilota.